Il parquet Bauwerk disegna lo spazio indoor di una villa in Versilia

Gli architetti Pierfrancesco Belluomini e Luca Bianchi firmano il progetto di una Villa a Forte dei Marmi, in Versilia, realizzata con forme e materiali tipici dell’architettura locale di inizio Novecento riadattati però a un gusto più contemporaneo. Elemento green del progetto, il parquet prefinito a due strati Bauwerk non solo a pavimento, ma anche tra i due piani.

Legno Bauwerk per portare la natura in una villa in Versilia
Foto Diego Laurino

Legno, natura e comfort: tre fondamenti importanti per l’architettura moderna, che hanno dato vita a una villa situata a Forte dei Marmi, nel cuore della Versilia. La nuova abitazione è stata pensata in chiave green, utilizzando il parquet prefinito a due strati Villapark di Bauwerk non solo a pavimento, ma anche tra i due piani.

Partendo da un’idea dei due architetti Pierfrancesco Belluomini e Luca Bianchi di utilizzare forme e materiali tipici dell’architettura locale di inizio Novecento, la struttura della villa è stata pensata in ogni minimo particolare, riadattandola però ai gusti più moderni e contemporanei della committenza. Tutti i materiali a firma Bauwerk utilizzati per gli spazi interni del progetto sono esclusivamente di legno proveniente da foreste gestite in maniera sostenibile e da regioni europee con ricrescite certificate.

Il progetto, equilibrio tra pieni e vuoti
Gli architetti hanno scelto le plance prefinite a due strati Bauwerk per questa elegante villa nel cuore della Versilia. Foto Diego Laurino

Il progetto, equilibrio tra pieni e vuoti

Il progetto nasce da una ricerca basata sul delicato equilibrio tra pieni e vuoti, luce artificiale e naturale, per esaltare la resa scenografica delle superfici. Oltre a questo, concorrono al risultato finale anche il corretto orientamento solare dell’edificio e le grandi vetrate che permettono l’entrata della luce naturale all’interno dei volumi della casa. Allo stesso modo, uno studio illuminotecnico ha guidato la scelta delle luci artificiali e la posizione degli arredi.

“Abbiamo scelto il parquet Villapark per vestire l’elemento centrale del progetto: i gradini a sbalzo e la facciata di fondo del vano scale, un corpo che si sviluppa da terra a tetto creando una continuità verticale sottolineata dal contrasto tra il colore caldo del legno e quello delle pareti” Architetto Pierfrancesco Belluomini

Parquet Bauwerk, legno strumento di progettazione
Il legno diventa uno strumento di progettazione che disegna lo spazio abitato e stimola per contrasto la visibilità degli altri materiali. Foto Diego Laurino

 

Parquet Villapark di Bauwerk, legno strumento di progettazione

Le plance di grande formato (210x19x9,5 cm) del parquet prefinito Bauwerk Villapark sono posate a correre anche su tutto il piano notte, in un dialogo costante con la luce che riflette la matericità e le venature del rovere avorio e valorizza gli spazi liberi dagli arredi.

Il legno, come boiserie e sui pavimenti, diventa così uno strumento di progettazione che disegna lo spazio abitato e stimola per contrasto la visibilità degli altri materiali. Come il pavimento del primo piano in seminato veneziano arricchito da un decoro a campi regolari in tessere di marmo grigio bardiglio.

Le plance sono disponibili in 3 diverse specie legnose: rovere, frassino e noce. La combinazione tra spessore ridotto e supporto tecnologico in HDF, con uno strato di legno nobile di 2,5 mm, lo rende perfetto per l’installazione su sistemi di riscaldamento radianti. Inoltre, il basso spessore delle tavole ne facilita l’impiego nelle ristrutturazioni edilizie, nel caso in cui il parquet debba essere posato accanto a rivestimenti preesistenti. Villapark è disponibile nelle finiture: Verniciato opaco, Olio naturale, B-Protect®.




Articolo realizzato in collaborazione con...