Pavimentazioni per esterni: quali soluzioni scegliere per balconi, terrazzi e giardini

La bella stagione offre la possibilità di sfruttare lo spazio outdoor e di conseguenza cambiare o rinnovare le pavimentazioni per esterni. Nell’articolo alcune delle soluzioni più ricercate, con alcuni consigli pratici per scegliere la superficie più indicata in base a caratteristiche tecniche e aspetto estetico.

A cura di:

Pavimentazioni per esterni: quali soluzioni scegliere per balconi, terrazzi e giardini

La primavera sta finalmente facendo capolino: sbocciano i fiori, le giornate si allungano e ovunque si respira un’aria di cambiamento. La nuova stagione offre la possibilità di sfruttare lo spazio outdoor e di conseguenza cambiare o rinnovare le pavimentazioni per esterni: che sia un giardino oppure un balcone, questo è il momento giusto per vivere con piacevolezza l’ambiente esterno della casa.

Pavimentazioni per esterni: quali caratteristiche devono avere?

E se lo spirito frizzante e vitale della primavera vi avvolge, allora è arrivato il tempo di prendersi cura dell’outdoor per ospitare i nostri momenti all’aperto. Che si tratti di un restyling completo o di un piccolo “ritocco” prima di dedicarci alle giornate en plein air, ricordiamoci di partire con la scelta della corretta pavimentazione per esterni.

Ma come deve essere un pavimento per esterno? Prima di tutto funzionale: deve essere resistente all’azione degli agenti atmosferici, idrorepellente, resistente agli urti e antiscivolo. L’estetica non deve essere messa in secondo piano, ma deve vivere in equilibrio con le esigenze tecniche che questa pavimentazione richiede.

La tendenza del momento parla di continuità stilistica tra indoor e outdoor: lo spazio esterno non “vive” in modo separato dal resto della casa, ma entra in connessione con gli ambienti domestici.

Vediamo quindi alcune delle soluzioni e tendenze nel campo dei rivestimenti per vivere con stile lo spazio esterno.

Pavimentazioni per esterni: quali caratteristiche devono avere?
Atlas Concorde – MarvelX, CalacattaApuano

Pavimentazione esterna di tipo drenante

La progettazione della pavimentazione per l’outdoor non può prescindere dalla scelta di una soluzione drenante. La caratteristica più importante di una superficie drenante è quella di favorire il passaggio dell’acqua fino al terreno in maniera uniforme. Proprio per questo motivo l’azione drenante intrinseca nella pavimentazione vi aiuterà a smaltire in maniera ottimale l’acqua meteoritica evitando che ristagni e rovini la superficie scelta per il vostro spazio esterno.

Il pavimento per esterno drenante favorisce la permeazione e il deflusso dell’acqua nello strato sottostante: ed è proprio per questo motivo che la sua elevata permeabilità lo rende di fatto una soluzione ecocompatibile.

Non dimentichiamo il fattore sicurezza: preferire una pavimentazione drenante per esterni permette al pedone di evitare scivolamenti e cadute, specie durante le giornate di pioggia.

Le pavimentazioni drenanti di Ferrari BK sono realizzate in calcestruzzo e si configurano come una soluzione in grado di unire funzionalità e resa estetica. In particolare, V8 è costituita da calcestruzzo poroso, ovvero un impasto in grado di raggiungere un livello di permeabilità dell’acqua equiparabile al terreno naturale anche in assenza di fori. Il composto filtrante consente il passaggio dell’acqua in maniera completa evitando che ristagni sulla superficie della pavimentazione.

Pavimentazioni per esterni drenanti
Pavimentazioni drenanti V8 di Ferrari BK

Richiami naturali

Materiali naturali, texture materiche e colori tenui trasformano l’outdoor in un rifugio rilassante.

Per lo spazio esterno l’opzione più “naturale” è caratterizzata dalle superfici in gres effetto legno capaci di abolire il confine tra i due ambienti. FAP Ceramiche con la collezione Fapnest si ispira alla natura e ne esplora la sfumature calde e accoglienti.

Richiami naturali
FAP Ceramiche con la collezione Fapnest si ispira alla natura e ne esplora la sfumature calde e accoglienti.

 

Anche lo spazio outdoor si riveste di stile. Le collezioni proposte da Ceramica del Conca sono pensate per “costruire un dialogo rispettoso tra indoor e outdoor”: i rivestimenti in gres porcellanato Wild2 e Nabi2 mettono in risalto l’aspetto materico della superficie creando un continuum tra interno ed esterno. La texture scelta per Wild2 rappresenta dei piccoli sassi che si susseguono in modo omogeno sulla superficie del rivestimento: il risultato è una collezione per l’outdoor accogliente e dai richiami mediterranei.

Anche per Nabi2 l’ispirazione è la natura e le sue straordinarie declinazioni: la collezione di Ceramica del Conca richiama l’effetto legno sia nelle tonalità chiare che in quelle scure su cui possiamo scorgere delle leggere nodosità create mediante la tecnica di stuccatura tono su tono.

Richiami naturali
Ceramiche Del Conca – Collezione Wild2

 

La tattilità delle pietre ha ispirato Marazzi per la creazione della linea Uniche, dove il fascino di quattro pietre calcaree mediterranea trova una nuova sfumatura nel gres porcellanato.

Marazzi realizza la collezione Uniche secondo innovativi processi di produzione sostenibili servendosi di materie prime naturali e di una tecnologia di stampa all’avanguardia come 3D Ink e Stepwise. Stepwise dona alle superfici Marazzi un’elevata resistenza allo scivolamento, nonostante l’assenza di ruvidità, mentre 3D Ink consente all’azienda di creare delle piastrelle in gres dal ricercato impatto estetico.

Richiami naturali
Marazzi – Linea Uniche

 

Pavimentazione esterna in pietra

Sono tanti i materiali che ci consentono di personalizzare l’ambiente esterno. La pietra naturale è una soluzione ampiamente utilizzata per pavimentazioni outdoor: tra le sue caratteristiche troviamo la resistenza alle sollecitazioni e al calpestio, così come la capacità di tollerare l’azione degli agenti atmosferici. Anche il basalto e l’ardesia sono particolarmente diffuse in edilizia: la prima roccia è di natura magmatica, mentre la seconda fa parte delle rocce sedimentarie. Entrambe sono soluzioni resistenti e performanti, ideali per le pavimentazioni per esterni.

Tra le pietre naturali più utilizzate per gli spazi esterni troviamo il porfido, una roccia vulcanica particolarmente resistente all’usura e agli sbalzi di temperatura.

Con le sue sfumature, la pietra naturale conserva un fascino rustico difficile da eguagliare. Un materiale resistente e durevole capace di personalizzare l’outdoor con gusto e al tempo stesso sopportare le intemperie e le variazioni climatiche: le collezioni in pietra naturale di Mespe, disponibili in vari formati e spessori, sono progettate per soddisfare ogni esigenza estetica e tecnica.

Pavimentazioni per esterni in pietra
Collezioni in pietra naturale di Mespe

 

Anche B&B Rivestimenti Naturali propone numerose collezioni per esterni. Filite è una gamma caratterizzata dall’uso di una roccia naturale di origine metamorfica composta da quarzi, feldspati, cloriti e mica. L’azienda definisce Filite come “un’evoluzione” dell’ardesia, più compatta e resistente.

Pavimentazioni per esterni in pietra
B&B Rivestimenti Naturali – Filite

Pavimenti esterni effetto cemento contemporaneo

Le abitazioni di carattere scelgono il cemento come effetto stilistico per l’ambiente outdoor.

Ragno ha pensato di reinterpretare il cemento attraverso un’innovativa tecnologia 3D Ink che consente di enfatizzare la matericità delle superfici. La collezione Clayton viene proposta in diverse tonalità che richiamano i toni neutri e naturali attualmente di tendenza. Ragno lancia quindi diverse superfici che vanno dalla più morbida per uso residenziale, fino ad una proposta più strutturata e resistente per gli utilizzi esterni.

Effetto cemento contemporaneo
Clayton è una nuova interpretazione dell’effetto cemento realizzata con la nuova tecnologia 3D Ink di Ragno

Superfici in gres porcellanato

Elegante e raffinata, anche la declinazione per spazi outdoor della collezione di superfici in gres porcellanato Marvel X di Atlas Concorde, che porta con sé l’estetica dei marmi più prestigiosi al mondo e la novità dell’inedita finitura Hammered, capace di riprodurre l’aspetto della pietra a spacco naturale, come appena uscita dalla cava.

Superfici in gres porcellanato
Superfici in gres porcellanato Marvel X di Atlas Concorde

Per valorizzare gli spazi outdoor della propria abitazione, Casalgrande Padana propone Extragres 2.0, un’ampia gamma di colori a spessore 20 mm e di Collezioni. Le lastre Extragres 2.0 possono essere posate a colla su massetto garantendo al pavimento una elevata resistenza ai carichi oppure direttamente su ghiaia, sabbia o fondo erboso, consentendo di ottenere un pavimento immediatamente calpestabile.

La posa a secco consente di progettare spazi outdoor in modo sostenibile senza la necessità di un massetto e senza l’uso di malte, stucchi e colle, riducendo i tempi di intervento e di esecuzione e permettendo, in ogni momento, la rimozione e il riutilizzo delle lastre, oltre che a garantire una superficie duratura nel tempo, grazie alle proprietà tecniche intrinseche del gres porcellanato.

Superfici in gres porcellanato
Casalgrande Padana – Extragres 2.0, Collezione Manhattan Soho

Marmo, classico senza tempo

Non c’è materiale più elegante del marmo, le cui venature affascinanti sono capaci di trasformare il look di qualsiasi ambiente esterno.

Il fascino elegante del marmo nell’outdoor? Sagevan propone il Bardiglio, un marmo dalla grana fine color grigio scuro attraversato da sottili venature grigio chiaro. Il Bardiglio è particolarmente resistente e si presta alla realizzazione di scale, rivestimenti e pavimentazioni per esterni e interni.

Marmo, classico senza tempo
Collezione Bardiglio di Sagevan

Ceramica del Conca cerca l’effetto materico del marmo in dialogo con il paesaggio nella proposta Boutique2 le cui cromie prendono ispirazione dai marmi pregiati. L’allure del marmo si abbina alla resistenza del gres porcellanato per creare ambienti outdoor al passo con i tempi.

Pavimento per esterno decking

Una soluzione armonica in continuità tra interno ed esterno: il decking è un’elegante pavimentazione in legno utilizzata per il giardino, bordo piscina, passerelle, verande e terrazzi. Il suo nome deriva dalla parola inglese “deck” e fa riferimento al “ponte di una nave: questa pavimentazione in legno per esterni deve la sua ampia diffusione al suo fascino e alle ottime caratteristiche tecniche come la resistenza all’umidità, alle intemperie e alla facilità di posa.

Pavimento per esterno decking
Garbelotto – Pavimento decking in legno di Termo Teak

 

Garbelotto propone il pavimento decking dedicato agli spazi all’aria aperta. Un esempio di applicazione è quella del pavimento in legno di Termo Teak per il patio: il calore del legno si presta perfettamente per impreziosire il giardino creando un continuum elegante con l’ambiente interno.

FAQ Pavimenti per esterni

Quanto costa fare una pavimentazione esterna?

Il costo della realizzazione di una pavimentazione per esterni può variare significativamente a seconda del materiale scelto e del metodo di posa richiesto. I materiali più economici sono spesso quelli sintetici e plastici, che pur avendo un prezzo inferiore, offrono comunque buone prestazioni per gli spazi esterni. Anche il calcestruzzo e il cemento rappresentano opzioni a basso costo, caratterizzate da una posa semplice e relativamente veloce. Ci sono poi altri materiali, come letto sopra, di fascia media come il grès porcellanato e pietra naturale e il teak che oltre a richiedere un investimento iniziale maggiore, necessitano anche di una posa specializzata e di una manutenzione più accurata.

Oltre al costo dei materiali, è fondamentale considerare la spesa per la manodopera. Questa può variare in base alla complessità della posa e alla professionalità richiesta per l’installazione.

Per chi cerca di risparmiare, è utile sapere che il rifacimento delle pavimentazioni esterne rientra nelle opere agevolate dal bonus ristrutturazioni. Questo incentivo fiscale prevede una detrazione IRPEF del 50% dei costi sostenuti, con rimborsi annuali distribuiti su 10 anni. È un’opportunità vantaggiosa per ridurre sensibilmente l’esborso economico necessario alla realizzazione o al rinnovo della pavimentazione esterna.

Come deve essere il pavimento esterno?

Tutti i pavimenti per esterni devono possedere alcune caratteristiche fondamentali: devono essere impermeabili, antiscivolo e resistenti al gelo. Inoltre, devono sopportare carichi pesanti, resistere agli agenti atmosferici e ai bruschi cambiamenti di temperatura. È essenziale che abbiano una bassa propensione alla formazione di muffe e alle macchie.

Rivestire le piastrelle esistenti o sostituirle con una pavimentazione nuova?

Innanzitutto, è utile sapere che il rifacimento della pavimentazione esterna è considerato un’opera di manutenzione ordinaria e non richiede permessi specifici. I pavimenti per esterno in cemento a basso spessore rappresentano una soluzione pratica e vantaggiosa perché permettono di rivestire le superfici senza dover demolire quelle esistenti, accelerando così i tempi di lavoro. Questi materiali sono noti per la loro durabilità e resistenza, adattandosi perfettamente a qualsiasi tipo di superficie.

Se si decide di rimuovere la pavimentazione esistente per sostituirla con una nuova, è essenziale affidarsi a personale qualificato. In questa situazione, è fondamentale verificare anche lo strato di impermeabilizzazione e le pendenze del balcone. Se questi elementi non sono adeguati, possono essere corretti durante l’intervento di sostituzione.

In alternativa, se la pavimentazione esistente è sufficientemente regolare e in buone condizioni, è possibile posare un nuovo pavimento direttamente sopra di essa. Esistono prodotti specificamente progettati per questo tipo di applicazione, caratterizzati da uno spessore ridotto, che consentono di ottenere un risultato estetico e funzionale senza dover rimuovere il rivestimento preesistente.

Articolo aggiornato




Articolo realizzato in collaborazione con...