Pulizia corretta dei piani cottura a induzione: cosa c’è da sapere

Eseguire una pulizia e una manutenzione adeguate dei piani cottura a induzione è essenziale non solo per garantirne il corretto funzionamento, ma anche per preservare la garanzia del prodotto nel tempo. Ecco alcuni suggerimenti per una pulizia semplice e rapida.

A cura di:

Pulizia corretta dei piani cottura a induzione cosa c’è da sapere

I piani cottura a induzione si distinguono per l’alta efficienza energetica, permettendo di risparmiare fino al 40% rispetto ai tradizionali fornelli a gas. Questo non solo riduce i costi in bolletta nel lungo periodo, ma comporta anche un impatto ambientale minore grazie alla ridotta dispersione di energia.

Per quanto riguarda la sicurezza, i piani cottura a induzione offrono vantaggi significativi rispetto ai fornelli a gas.

L’assenza di fiamme libere e il rapido raffreddamento della superficie riducono il rischio di ustioni e incidenti domestici. Inoltre, il controllo preciso della temperatura assicura una cottura più uniforme e accurata, particolarmente utile per alimenti che richiedono una gestione attenta del calore.

La rapidità di cottura e la semplicità d’uso sono altri benefici di questa tecnologia. Il design essenziale e moderno dei piani cottura a induzione si armonizza con vari stili di arredamento, facilitando al contempo la pulizia grazie alla superficie liscia e senza rilievi.

Mantenere questi piani cottura puliti e in perfette condizioni è fondamentale per garantirne la durata e l’efficienza. Questo articolo fornirà una guida dettagliata su come eseguire una corretta pulizia e manutenzione dei piani cottura a induzione.

Pulizia quotidiana dei piani cottura a induzione

È fondamentale pulire il piano a cottura a induzione regolarmente, preferibilmente dopo ogni utilizzo, una volta che le spie di calore residuo si sono spente. In presenza di residui di cibo bruciati, è consigliabile rimuoverli, risciacquare con acqua e asciugare accuratamente con un panno pulito.

I cambiamenti di colore che possono verificarsi non compromettono la funzionalità e la stabilità del vetro del piano cottura. Questi cambiamenti sono dovuti alla carbonizzazione di residui alimentari non rimossi e non a un’alterazione del materiale del piano.

Possono formarsi aree lucide a causa dello sfregamento delle pentole, in particolare se realizzate in alluminio, e dall’uso di detergenti inappropriati.

Queste superfici lucide sono difficili da rimuovere con i normali prodotti per la pulizia e potrebbero richiedere ripetuti interventi di pulizia.

Pulizia profonda del piano cottura a induzione

Quando il grasso e le macchie risultano particolarmente resistenti, è necessario eseguire una pulizia profonda.

Aceto, limone e bicarbonato sono particolarmente efficaci nel rimuovere le macchie di calcare e devono essere utilizzati quando la piastra è fredda. Per le bruciature più ostinate, può essere utilizzato un raschietto sul piano caldo in combinazione con un prodotto specifico.

La procedura è la seguente: bisogna lasciare agire per qualche minuto, quindi rimuovere le incrostazioni ammorbidite con il raschietto o una spugnetta abrasiva delicata. Successivamente, è necessario risciacquare con una soluzione di acqua e aceto o limone per lucidare la superficie in vetroceramica.




Articolo realizzato in collaborazione con...