Il tritarifiuti domestico che semplifica la vita in cucina

Vuoi smaltire gli avanzi di cibo e alimenti in modo ecologico? Installare un elettrodomestico come il dissipatore alimentare o tritarifiuti domestico consente di avere una cucina sostenibile e rispettosa dell’ambiente

Il tritarifiuti domestico sminuzza tutti gli avanzi

L’estate è alle porte e come tutti gli anni si presenta il fastidioso problema degli odori in cucina provocati dagli avanzi alimentari. Come ci hanno insegnato le nonne le bucce di limone, l’aceto e il bicarbonato possono in parte ovviare a questo inconveniente. Ma perché non affidarsi a una tecnologia che agisca direttamente alla fonte? Il dissipatore alimentare noto come tritarifiuti domestico è una soluzione ecologica necessaria in una cucina moderna.

Tritarifiuti domestico: come funziona

Il tritarifiuti è un elettrodomestico semplice e pratico per lo smaltimento dei rifiuti. Viene integrato con facilità e discrezione sotto il lavello all’altezza del sifone. È formato da un cilindro con alla base una serie di martelletti, il cui movimento rapido sminuzza senza fatica i rifiuti umidi che vengono smaltiti automaticamente nello scarico tradizionale della cucina attraverso il sistema di trattamento delle acque locali o una fossa biologica.

Necessita di un collegamento elettrico per poter funzionare, quindi + necessario verificare la possibilità di avere una presa libera. Nel caso non ci fosse una presa disponibile è necessario rivolgersi a un installatore elettrico per far realizzare un collegamento.

Tra gli scarti organici che possono essere triturati ci sono: avanzi alimentari e di frutta e verdura, pane, ossa di pollo e carne raffermo, gusci di uova fino a fazzoletti di carta usati e carta assorbente.

Il tritarifiuti domestico non è pericoloso, sono dotati di tappi che impediscono che corpi estranei o posate possano infilarli nello scarico e proteggono dalla possibilità che un bambino possa inserire le dita.

InSinkErator propone diverse soluzioni per smaltire i rifiuti

I vantaggi del dissipatore alimentare

Sebbene il tritarifiuti domestico consumi acqua per fare in modo che la poltiglia che si crea non sia troppo asciutta ed energia per funzionare, ha indubbi benefici:

  • riduce la quantità dei rifiuti domestici eliminando la parte umida e riduce il numero di sacchetti per il conferimento;
  • è igienico poiché elimina i cattivi odori provocati dai rifiuti organici tenuti in casa;
  • è comodo soprattutto in condomini dove non è prevista la possibilità del compostaggio e dove gli spazi per tenere i rifiuti sono limitati.

Tecnologia, stile e sostenibilità

InSinkErator, azienda americana che ha inventato dissipatore alimentare domestico, propone una serie di prodotti che non solo permettono l’eliminazione degli odori ma semplificano la vita in cucina combinando praticità e tecnologia. Proprio per rispondere a diverse esigenze famigliari propone diversi modelli – 46, 56, 66, serie Evolution – in grado di gestire tutti i rifiuti umidi. È dotato di un anello di tritatura privo di lame, solo movimenti rotatori ad altissima velocità che consentono di sminuzzare in parti finissime gli scarti di alimenti fino al raggiungimento di uno stadio semi liquido che ne permette l’eliminazione fra le acque chiare.

Basta premere un pulsante per accendere il tritarifiuti e la meccanica farà il resto in maniera rapida, silenziosa ed efficiente.

InSinkErator tritarifiuti domestico

E per pulire il dissipatore di rifiuti? È sufficiente gettare dentro mezzo limone e il gioco è fatto!

Il tritarifiuti domestico da lavello è presente e futuro di una cucina sostenibile dove tecnologia, rispetto per l’ambiente e riduzione delle spreco alimentare vanno di pari passo.