Caldaia a condensazione: i pro e contro per una scelta consapevole

Le caldaie a condensazione sono una soluzione più efficiente ed ecologica per riscaldare la propria casa rispetto ai sistemi tradizionali. Ecco quali sono i vantaggi e gli svantaggi da conoscere per una scelta consapevole.

A cura di: Gaia Mussi

Caldaia a condensazione: i pro e contro per una scelta consapevole

Indice:

Scegliere l’impianto per il riscaldamento di casa può non sembrare semplice, soprattutto oggi, con l’aumentare delle possibili soluzioni e la ricerca di un’efficienza energetica sempre maggiore. Quando ci si trova in questa situazione, ad esempio perché si deve costruire casa, ristrutturare o semplicemente sostituire il vecchio impianto per il riscaldamento, è fondamentale raccogliere tutte le informazioni utili e fare una valutazione delle soluzioni disponibili sul mercato. In questa operazione, chiaramente, sono di grande aiuto i tecnici del settore, a cui è possibile richiedere approfondimenti, spiegazioni e consigli.
In questo articolo ci concentreremo su una delle possibili soluzioni per il riscaldamento, parlando di vantaggi e svantaggi della caldaia a condensazione.

Caldaia a condensazione Vaillant
Caldaia a condensazione ecoTEC Plus di Vaillant

Che cos’è una caldaia a condensazione e come funziona

Una caldaia a condensazione è un generatore di energia per il riscaldamento domestico e la produzione di acqua calda sanitaria, che può essere considerato il cuore dell’intero sistema per la climatizzazione. Ciò che distingue una caldaia a condensazione da una caldaia tradizionale è il meccanismo con cui riesce recuperare il calore anche dai fumi a e dai vapori prodotti dal processo di combustione. In questo modo, parte del calore viene generato “recuperando un prodotto di scarto” e non consumando ulteriore gas. I fumi e il vapore condensati, inoltre, sono prodotti che altrimenti sarebbero emessi in atmosfera. Grazie a questo meccanismo, il rendimento termodinamico delle caldaie a condensazione raggiunge il 90%, un valore considerevolmente più alto rispetto alle caldaie tradizionali. Il calore generato dalla caldaia è utilizzato per riscaldare acqua che, poi, viene fatta circolare all’interno del sistema di distribuzione domestico, ad esempio composto da radiatori o da pannelli radianti.

Esistono diverse tipologie di caldaie a condensazione, classificate sulla base luogo di installazione. Ci sono caldaie a condensazione da interno, di dimensioni ridotte e compatte; caldaie a condensazione da esterno, adatte ad esempio a balconi e terrazzi; caldaie a condensazione da incasso, che si posizionano all’esterno in un’apposita unità a scomparsa.

caldaia a condensazione e termosifoni

I vantaggi di una caldaia a condensazione

Il principale vantaggio di una caldaia a condensazione è indubbiamente il risparmio energetico assicurato, che a sua volta comporta ulteriori aspetti positivi che vale la pena approfondire. Infatti, anche se il risparmio energetico è importante per ridurre l’impatto ambientale delle nostre case, consumare meno energia significa anche costi inferiori nelle bollette domestiche. Quindi, a quello ambientale, si somma il vantaggio economico. E’ più sostenibile delle soluzioni tradizionali anche perché riduce le emissioni in atmosfera, altro aspetto importante nella lotta ai cambiamenti climatici. I fumi residui, poi, non causano particolari problematiche e, anzi, possono essere scaricati direttamente a parete o attraverso i camini esistenti, collegando la caldaia con apposite canalizzazioni. Inoltre, è adatta a qualsiasi tipo di ambiente e può essere combinata anche a sistemi per la distribuzione del calore tradizionali, come i caloriferi.

Questo significa che, se si deve cambiare solo la caldaia, è possibile sceglierne una a condensazione senza dover per forza intervenire sulle restanti parti dell’impianto. Infine, installare una caldaia a condensazione permette di accedere agli incentivi fiscali per l’efficienza energetica, ad esempio all’Ecobonus, che copre fino al 65% delle spese sostenute.

caldaia a condensazione Junkers

Gli svantaggi di una caldaia a condensazione

Anche se sono innegabili i vantaggi di una caldaia a condensazione rispetto ad una tradizionale, vediamo ore alcuni “contro” da prendere in considerazione. Innanzitutto, il costo di una caldaia a condensazione è maggiore rispetto a quello per un sistema tradizionale, anche se la spesa viene ammortizzata negli anni grazie al risparmio economico dovuto al risparmio energetico. Entra quindi in gioco un secondo aspetto da considerare: il risparmio economico assicurato – e quindi il rientro dell’investimento – dipende dall’intero sistema di riscaldamento. Anche se può essere abbinata ai radiatori, il miglior rendimento (e quindi risparmio) si ottiene combinandola ad un sistema di distribuzione a bassa temperatura, come i pannelli radianti. La caldaia a condensazione, infatti, scalda l’acqua ad una temperatura inferiore rispetto alle caldaie tradizionali, ben adattandosi alla temperatura di funzionamento dei pannelli radianti (circa 30°). Invece, dovrà consumare più energia per raggiungere i 60° necessari ai tradizionali termosifoni.

La caldaia a condensazione, inoltre, richiede di collegare l’impianto allo scarico fognario, per disperdere la condensazione residua. Infine, è da considerare che per assicurare sempre un funzionamento ottimale, è necessaria una manutenzione regolare.

manutenzione della caldaia