Come scegliere le tariffe luce nel mercato libero per risparmiare sul consumo degli elettrodomestici

Condizionatori, pompe di calore, piani a induzione: nella casa di oggi sono molte le tecnologie che migliorano la qualità della vita. Ma come abbassare le bollette energetiche? Scopriamo come individuare la tariffa luce più adatta nel mercato libero

5 consigli per scegliere fra le tariffe luce mercato liberoLa presenza di elettrodomestici in casa ci semplifica la vita, certo, ma fa anche alzare il costo delle bollette. Per questo molto probabilmente ti piacerebbe trovare un nuovo fornitore con prezzi più bassi. Nel mercato libero puoi scegliere una delle tariffe luce concorrenziali e iniziare a risparmiare.
Non sai come scegliere? Ti aiutiamo noi. Infatti in questo articolo ti spiegheremo come scegliere la tariffa più adatta alle tue esigenze.

Perché scegliere le tariffe luce mercato libero

Condizionatori, pompe di calore, piani cottura a induzione. Negli ultimi anni gli elettrodomestici in casa sono aumentati esponenzialmente. La qualità della vita è migliorata ma, ovviamente, sono aumentati i consumi di energia elettrica. Inoltre, soprattutto se utilizzi strumenti per la domotica, ti consigliamo di controllare se il contatore è adatto a reggere i consumi energetici di casa. Infine, se ancora non l’hai fatto, ti consigliamo di verificare le tariffe luce mercato libero.

Infatti le tariffe del mercato libero se paragonate con quello di maggior tutela ti offrono:

  • prezzi più bassi, con la possibilità di ottenere un discreto risparmio annuo in bolletta;
  • tariffe più flessibili, con fasce di consumo che si adattano alle tue esigenze.

5 consigli per scegliere fra le tariffe luce mercato libero

Scegliere la tariffa dell’energia elettrica più adatta alle tue esigenze può rivelarsi un’operazione piuttosto lunga. Ci sono molte variabili da considerare e parecchi punti da ponderare. Per questo abbiamo deciso di sottolineare cinque punti da considerare assolutamente quando scegli la tua nuova tariffa luce.

1 – Calcola il consumo annuo e scopri dove intervenire

La prima operazione che ti consigliamo di fare è scoprire qual è il tuo consumo annuo di energia elettrica. Tale valore si esprime in kWh. Il consumo di solito è riportato sulle vecchie bollette e si basa su due fattori:

  • numero di persone che vivono in casa
  • e quantità di elettrodomestici presenti.

Una volta che hai trovato il consumo annuo, è possibile scegliere quale tariffa si adatta meglio alle tue esigenze. Infatti vi sono tariffe che premiano chi consuma di più. Mentre altre sono più convenienti solo se non si superano determinate soglie di consumo.

2 – Scegli fra le tariffe luce mercato libero quella che fa per te

Conoscendo le abitudini di consumo, puoi scegliere fra tariffe che applicano fasce mono o biorarie.

3 – Il prezzo bloccato ti aiuta a risparmiare

Vi sono poi tariffe che propongono un prezzo dell’energia bloccato per tutta la durata del contratto. Ciò significa che non sarà sensibile alle oscillazioni di prezzo dettate dall’Autorità in materia. E questo potrebbe sicuramente rivelarsi un vantaggio.

4 – I differenti metodi di pagamento delle tariffe luce mercato libero

Il metodo di pagamento è un altro punto a cui prestare attenzione. Infatti ci sono tariffe che vengono proposte a prezzi agevolati solo per chi attiva la domiciliazione bancaria.

5 – Tipologia di contratto

Ci sono alcune offerte allettanti che sono valide solo per nuove attivazioni. Quindi stai attento, se devi eseguire un subentro non potrai attivare questo tipo di offerte.
Per concludere, se sei ancora nel mercato tutelato ti consigliamo di leggere l’articolo di ARERA a questo link. Qui l’Autorità ti spiega cosa sta succedendo al mercato tutelato che si avvia a scomparire nel 2023, ma soprattutto cosa succederà agli utenti che sono ancora nel mercato di maggior tutela.