Risparmiare 10 volte di più con i termostati intelligenti

I termostati intelligenti sono il modo più conveniente per ridurre le emissioni nelle nostre case nell’ondata di ristrutturazioni Green Deal dell’UE rispetto al fotovoltaico, alle pompe di calore e all’isolamento: questo l’esito del nuovo report prodotto dalla società di consulenza Gemserv.

Termostati intelligentiStiamo sentendo parlare tantissimo di riscaldamento a basse emissioni di anidride carbonica, produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, utilizzo di materiale isolante per la costruzione degli edifici… ma siamo davvero sicuri che solo questi accorgimenti possono far risparmiare soldi sicuri in bolletta ed evitare emissioni nocive per noi e per il nostro Pianeta?
Da uno studio condotto dalla società di consulenza Gemserv risulta che anche i termostati intelligenti sono 10 volte più efficaci in termini di costi per 100 euro spesi e per la riduzione delle emissioni di CO2 rispetto ad altri impianti più convenzionali come ad esempio le pompe di calore e i sistemi fotovoltaici, poiché non solo offrono rendimenti finanziari consistenti, ma soprattutto sono in grado di ridurre da soli notevoli quantità di anidride carbonica immessa nell’ambiente.

Il report della società di consulenza Gemserv contiene uno studio sui quattro metodi più comuni per diminuire l’impronta di CO2 nelle case in Europa e attesta che, rispetto al fotovoltaico, alle pompe di calore e all’isolamento, i termostati intelligenti rappresentano una soluzione più conveniente per la decarbonizzazione in base al costo iniziale e all’anidride carbonica risparmiata.

Il report, stilato con revisione paritaria del Dottor Tim Forman, professore di sostenibilità all’Università di Cambridge, prende in considerazione i diversi archetipi di abitazioni europee, oltre alle misure più comuni messe in atto per ridurre le emissioni di anidride carbonica, prestando particolare attenzione al costo del prodotto e alla sua installazione, alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica e agli esborsi annuali dei consumatori per le bollette.
Tra tutti gli archetipi di abitazioni e i metodi per ridurre le emissioni di anidride carbonica, i termostati intelligenti si sono rivelati i più convenienti per risparmiare denaro ed energia. Sulla base della bolletta del riscaldamento di una tipica famiglia italiana di € 1.185 all’anno, le famiglie possono risparmiare una media di € 260,70 all’anno con un termostato intelligente. I risparmi possono essere anche maggiori se i prezzi dell’energia al consumo continuano ad aumentare, come sta accadendo nel mercato attuale.

 

Nel report emerge che, affinché l’UE raggiunga i suoi obiettivi per le emissioni di CO2, queste misure devono lavorare in sinergia. Le pompe di calore, l’isolamento e il solare fotovoltaico sono tutti metodi riconosciuti di riduzione delle emissioni per il futuro, e ognuno giocherà un ruolo importante nel raggiungimento dell’obiettivo di zero netto del 2050 e nella decarbonizzazione di ogni singola casa.

La decarbonizzazione è una sfida enorme per i governi di tutta Europa, e qualsiasi spesa deve essere utilizzata in modo efficace ed efficiente per non incorrere in costi più elevati per il contribuente. Con il riscaldamento e il raffreddamento delle abitazioni che rappresentano il 21% del consumo energetico dell’UE, il parco immobiliare europeo deve essere velocemente decarbonizzato al fine di ridurre le emissioni del 55% entro il 2030 e raggiungere lo zero netto.
Per realizzare questi obiettivi e ridurre le emissioni di CO2, sono stati riservati circa 600 miliardi di euro nei fondi Green Deal dell’UE.

Termostati intelligenti tado°

Sui dati forniti da oltre 1 milione di termostati connessi, risulta che un termostato intelligente di tado° consente di risparmiare il 22% dell’energia utilizzata nelle case di tutta Europa. Se tutte le case europee fossero dotate di questi dispositivi, le emissioni totali di anidride carbonica in Europa potrebbero diminuire del 4,75%, un contributo notevole rispetto all’obiettivo europeo di riduzione dei gas a effetto serra del 55% da raggiungere entro il 2030.

Secondo tado°, il costo per implementare i termostati intelligenti in tutte le case europee sarebbe di circa 40 miliardi di euro, o il 6,67% del costo totale stanziato per il Green Deal europeo. Ottenere la stessa riduzione del 4,75% delle emissioni attraverso altre infrastrutture sarebbe molto più costoso; le pompe di calore, tra le migliori alternative, richiedono dieci volte l’investimento necessario per i termostati intelligenti per un totale di 432 miliardi di euro, 2,25 trilioni di euro per l’isolamento, 2,81 trilioni di euro per il solare fotovoltaico, una parte considerevole dei fondi di investimento dell’UE.




Articolo realizzato in collaborazione con...