Come recuperare un sottotetto

Il progetto di recupero di un sottotetto è un insieme di soluzioni che consentono di utilizzare ambienti non sfruttati convertendoli in spazi ad uso abitativo. Prima di iniziare un progetto è necessario verificare l’abitabilità, la fattibilità e cosa dice la normativa

A cura di:

Come recuperare un sottotetto

Indice:

Uno studio per lavorare in tranquillità oppure una sala hobby in cui divertirsi con i propri amici: avere una stanza in più in casa è il sogno di molti, specie se si ha a disposizione un sottotetto. Che sia un luogo deputato al relax oppure al lavoro, recuperare il sottotetto e trasformarlo in uno spazio funzionale è sempre un ottimo investimento. In questo approfondimento vedremo quali sono i requisiti per il recupero e alcune idee creative per utilizzare questo spazio.

il sottotetto diventa studio/ufficio

Recupero del sottotetto: cosa dice la normativa?

Prima di procedere con i lavori di ristrutturazione è bene fare un passaggio preliminare, ovvero comprendere se il sottotetto sia in possesso di tutti i requisiti per definirsi abitabile. Uno dei primi fattori da tenere presente è quello legato all’altezza che deve rispettare come requisito minimo i 2.70 metri che può arrivare a ridursi a 2.40 metri nel caso di bagno o corridoio. Nel caso di un Comune montano – ovvero una località che si trova al di sopra dei 1000 metri sul livello del mare – l’altezza minima equivale a 2.55 m.

Il criterio che viene utilizzato generalmente è quello dell’altezza media ponderale, un valore che viene dato dividendo il volume del sottotetto (con un altezza minima di 1.50 m) per la sua superficie. Le aree che non rispettano i requisiti minimi non possono essere considerate abitabili: qui lo spazio può essere impiegato per inserire dei mobili e sfruttare lo spazio come ripostiglio.

stanza da letto in mansarda

Ricordiamo che ogni Comune ha il suo regolamento specifico in materia di altezza media ponderale. Nel caso di Abruzzo, Lombardia, Emilia Romagna, Sardegna, Campania, Basilicata, Marche, Piemonte, Puglia e Veneto l’altezza media ponderale è di 2.40 m. Nelle regioni di Campania, Molise e Friuli-Venezia Giulia è di circa 2.2 m, mentre in Sicilia e nel Lazio è di 2 m. Chiudiamo la nostra lista con la Liguria e Toscana – entrambe su 2.30 m circa – e la Valle d’Aosta che presenta un minimo di 2.5 m.

Un altro criterio importante da valutare è quello relativo all’illuminazione e all’areazione del sottotetto. Generalmente i rapporti aeroilluminanti non devono essere inferiori a 1/8 della superficie. Infine va considerato anche il fattore medio di luce diurna, un valore che non deve essere inferiore al 2%.

Per aumentare il rapporto aeroilluminante si dovranno installare delle finestre oppure dei lucernari per garantire il giusto comfort abitativo. L’illuminazione naturale è fondamentale, per questo motivo occorre sempre valutare l’installazione delle finestre da tetto che permettono di fruire al massimo dell’esposizione ai raggi solari. Un’ulteriore idea per rendere confortevole il sottotetto è quella di ricavare un terrazzo o un balcone così da avere un’apertura verso l’ambiente esterno. Non dimentichiamo anche di svolgere i dovuti accertamenti in materia di conformità dell’impianto termico, idrico ed elettrico.

il sottotetto diventa studio/ufficio

Come sfruttare il sottotetto: le idee

Un sottotetto abitabile può essere impiegato per numerosi scopi. Qualche esempio? Qui possiamo progettare un salotto o uno studio in cui lavorare. Il suggerimento per arredare un sottotetto è quello di seguire l’andamento della copertura. I punti più alti vanno sfruttati per inserire dei mobili a parete con delle scaffalature oppure delle mensole. Nelle pareti più basse andrete a posizionare dei cassettoni o dei mobili dove riporre gli oggetti.

Il solaio o la soffitta possono trasformarsi in una camera da letto, uno spazio in più dotato di ogni comfort per accogliere gli ospiti. In questo caso il suggerimento è quello di posizionare il letto nella zona bassa del sottotetto.

Anche la cucina trova la sua collocazione nel sottotetto: anche qui vi basterà progettarla seguendo la linea della copertura. Il frigorifero e le scaffalature occuperanno lo spazio più alto, mentre in basso avrete il piano cottura e dei ripiani per riporre oggetti e cibarie. I mobili su misura sono la soluzione funzionale per sfruttare al meglio il sottotetto: valutando le altezze riuscirete a creare uno spazio ad hoc su misura per le vostre esigenze.