Pompa di calore: è davvero così conveniente installarla in casa?

La pompa di calore è un sistema molto performante ed eco friendly, soprattutto se pensata in integrazione con altri impianti che utilizzano energia rinnovabile, come il fotovoltaico. Scopriamo come funzionano e quali vantaggi sono capaci di garantire in ambito domestico.

A cura di: ,

Pompa di calore: è davvero così conveniente installarla in casa?

Indice degli argomenti:

Con le attuali innovazioni nel campo degli impianti, oggi è davvero facile recuperare tutti i riferimenti necessari, al fine di inserire nella nostra abitazione sistemi sicuri e amici dell’ambiente, capaci anche di farci risparmiare soldi. Le pompe di calore, ad esempio, sono sistemi molto performanti ed eco friendly, soprattutto se pensati in integrazione con altri impianti, come ad esempio il fotovoltaico e i sistemi di accumulo.

Da uno studio condotto dall’ISTAT emerge che oggi circa il 46% delle case è dotato di un climatizzatore. In Italia, si vendono mediamente 1,4 milioni di macchine ogni anno, con una crescita segnata nel 2021, con oltre 2 milioni di pompe di calore vendute. Sicuramente un trend che proseguirà anche per tutto il 2023 dove si stima che circa il 63% delle abitazioni installerà una pompa di calore e che il 13% di queste case avrà una pompa di calore come unico sistema di climatizzazione. Arrivando al 2050, questo numero crescerà toccando una percentuale prossima al 72%.

Cos'è e come funziona la pompa di calore?

Cos’è e come funziona la pompa di calore?

La pompa di calore è un impianto tecnologico, che può essere utilizzato per differenti scopi, quali riscaldamento, raffrescamento e produzione di ACS (acqua calda sanitaria). Esistono diverse tipologie di pompe di calore, ma il loro funzionamento si basa sugli stessi principi. Ma come funziona? Sottrae energia (calore) da sorgenti naturali (quali aria, acqua, terra) per trasferirla all’interno dell’edificio da climatizzare, alla temperatura desiderata.

Per il trasporto dell’energia utilizza un fluido che, una volta venuto a contatto con l’evaporatore cambia di stato trasformandosi in materia gassosa. Tale materia viene sottoposta a pressione nel compressore e questo processo rilascia calore. Il gas confluisce nel condensatore e con il suo calore alimenta i radiatori della casa. A questo punto il fluido torna allo stato liquido e il ciclo ricomincia.
Le pompe di calore possono essere collegate a diversi impianti: radiatori e termoarredi, ventilconvettori (fan coil), unità interne come i climatizzatori e il riscaldamento a pavimento.

Quanti tipi di pompe di calore ci sono?

Questi innovativi sistemi di impianto si dividono in diverse categorie a seconda della fonte da cui prelevano energia:

• pompa di calore aria aria
• pompa di calore aria acqua
• pompa di calore ad acqua
• pompa di calore geotermica

La  pompa di calore da sola non basta
Esempio di installazione residenziale di NAW Hive di Eneren

La  pompa di calore da sola non basta

Maggiore efficienza energetica, riduzione dei consumi nel rispetto dell’ambiente: questi sono i primissimi vantaggi di questi sistemi. Portano indubbi benefici e sono ideali anche in caso di ristrutturazione.

Ovviamente però va anche detto che questi sistemi da soli non bastano: oltre a un buon impianto, infatti, è consigliabile prevedere anche altri accorgimenti al fine di ottenere il massimo comfort domestico, come ad esempio la sostituzione dei serramenti, un ottimo isolamento termico dell’edificio, e ultimo, ma non meno importante un buon impianto di VMC.

Il consiglio è sempre quello di affidarsi a persone specializzate e professionisti, poiché capaci di esaminare l’impianto e prima ancora le esigenze della casa, suggerendo la migliore tecnologia possibile.

I costi

Quanto costa una pompa di calore?

I sistemi più economici sono le pompe di calore aria aria con un costo di circa 1.200 euro circa – prezzo che può variare a seconda della marca, della potenza e del numero di split. I modelli aria-acqua hanno costano qualche ero in più, ma le più costose sono le pompe di calore geotermiche. In questo caso, la sola pompa di calore può costare dai 3.000 agli 8.000 euro, se abbinata all’accumulo per ACS, ma si devono aggiungere tutte le opere correlate alla realizzazione delle sonde da posizionare nel terreno. Il costo totale dell’impianto generalmente supera i 15.000 euro e può arrivare anche a 25.000 euro totali.

Quanto costa riscaldare una casa?

Il costo dipende dall’impianto installato e dalla sua efficienza, ma anche dal costo dell’energia elettrica e dalle dimensioni degli ambienti da riscaldare.

Come intervenire per risparmiare davvero sul riscaldamento:

  • eseguire una corretta progettazione dell’impianto, evitando una potenza sovrastimata dell’impianto poiché genererebbe più svantaggi che vantaggi. Generalmente, per riscaldare 100 mq è sufficiente un impianto inferiore a 10 kW.
  • considerare anche altri elementi, quali, il fabbisogno termico dell’edificio (e se si vuole anche produrre ACS), la zona climatica, la temperatura esterna di progetto, le ore di riscaldamento e i gradi giorno.
  • scegliere bene la tipologia di pompa di calore. Ad esempio, se si vive in una regione del Centro Italia con un clima mite e l’abitazione non è eccessivamente grande, la soluzione migliore potrebbe essere una pompa di calore aria aria, con un investimento iniziale ridotto e godendo della massima efficienza dopo l’installazione.
  • conoscere l’indice COP (Coefficiente di Prestazione Energetica), indicato nella nuova etichetta energetica.

Installare un climatizzatore e dovrei collocare la macchina all’esterno sulla facciata del palazzo

Che differenza c’è tra climatizzatore e pompa di calore?

La differenza tra i due sistemi è molto semplice. Un condizionatore a pompa di calore permette di riscaldare la casa durante la stagione più fredda, oltre a garantire anche di raffreddare l’aria in estate. La pompa di calore invece oltre che raffrescare, riesce anche a riscaldare l’aria, e quindi a far godere di un ottimo comfort abitativo in tutte le stagioni dell’anno.

La pompa di calore viene ulteriormente sfruttata se collegata con impianti che sfruttano le energia rinnovabili, come ad esempio il fotovoltaico. Questo abbinamento comporta molti vantaggi economici, in quanto si abbatte il costo dell’acquisto dell’energia per il funzionamento dell’impianto di climatizzazione. Nel caso del fotovoltaico con accumulo, poi, l’energia prodotta dal proprio impianto viene stoccata e resa disponibile quando è necessario.

Pompe di calore: pro e contro

Esistono come abbiamo detto diverse tipologie, che si distinguono per la fonte da cui prelevano calore, che può essere aria, acqua e terra. Ciò che le accomuna è proprio la capacità di sfruttare l’energia rinnovabile presente in natura. Installare una pompa, quindi, di calore può essere un’ottima scelta per la propria casa, ma è sempre la soluzione migliore? Approfondiamo il tema.

I vantaggi delle pompe di calore
Se si parla di geotermia si deve avere a disposizione lo spazio necessario per l’installazione delle sonde

I vantaggi

Come anticipato, il principale vantaggio delle pompe di calore è proprio il livello di efficienza energetica elevato che possono raggiungere. Inoltre, sfruttando il calore presente nell’aria, nell’acqua e nella terra, sono una soluzione sostenibile per la climatizzazione di casa.

Da questi due punti, derivano ulteriori interessanti vantaggi. Innanzitutto, l’elevata efficienza energetica, che si misura tramite il COP, permette di ridurre i consumi per la produzione di calore, freddo e acqua calda. Così facendo, si risparmia anche in termini economici. La pompa di calore (in realtà il compressore al suo interno) necessita di energia elettrica per il suo funzionamento, ma consumando poco, riduce di molto anche le bollette. In sostanza, produce molta più energia di quella che consuma.

La sostenibilità della pompa di calore, invece, concorre alla riduzione dell’impatto ambientale, con un deciso abbattimento delle emissioni di CO2 in atmosfera. Questo impianto, infatti, non ne produce, a differenza di quanto avviene ad esempio con una caldaia a combustione, che necessita anche di apposita canna fumaria.

Proprio grazie ai vantaggi visti, le pompe di calore permettono di accedere a diversi meccanismi di incentivazione fiscale, come l’Ecobonus, pensato proprio per favorire il rinnovo del parco edile esistente.

Infine, non è da trascurare il fatto che, con un solo impianto, è possibile combinare più funzioni indispensabili per il comfort domestico: il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda. Le pompe di calore si definiscono reversibili proprio per la loro capacità di invertire il proprio ciclo, trasferendo il calore all’esterno durante l’estate. Con una sola soluzione, quindi, si ottiene in modo “green” tutto ciò di cui si ha bisogno.

A cosa fare attenzione: valutare bene l’investimento

A cosa fare attenzione: valutare bene l’investimento

Non ci sono dei punti a sfavore per la pompa di calore che derivano dalla tecnologia in sé, ma piuttosto alcuni aspetti a cui è bene prestare attenzione prima di effettuare l’investimento per il suo acquisto. Il miglior intervento di sostituzione di un impianto per la climatizzazione, infatti, è quello valutato e ponderato sulle specifiche caratteristiche dell’edificio.

I principali ostacoli che si possono incontrare quando si vuole installare una pompa di calore riguardano prima di tutto la disponibilità della fonte di energia che si vuole sfruttare. Per una pompa di calore ad acqua è necessario poter raggiungere, con opportune autorizzazioni, l’acqua di falda. Se si parla di geotermia, invece, si deve avere a disposizione lo spazio necessario per l’installazione delle sonde. Nel caso delle pompe di calore ad aria, invece, la criticità non è l’accessibilità alla fonte energetica, ma piuttosto le condizioni climatiche del sito, in quanto con climi troppo rigidi molti modelli ad aria calano di efficienza. In ogni caso, si deve trovare un luogo adatto per la predisposizione dell’unità esterna.

Un’altra importante considerazione da fare, poi, riguarda il resto dell’impianto con cui si combina la pompa di calore: si interviene su ogni componente o si abbina a elementi esistenti? Per la massima efficienza, infatti, dovrebbe funzionare con un impianto a bassa temperatura, come quello radiante, molto diverso dai classici termosifoni, in cui circola acqua anche a più di 70°C.
Infine, il costo di accesso alla tecnologia è decisamente superiore rispetto a quanto vale per una caldaia a condensazione, anche di ultimo modello. Vero è che, il risparmio garantito nel tempo, dovrebbe ricompensare l’investimento fatto.

In ogni caso, si tratta di criticità e problematiche che si risolvono con una corretta progettazione e scelta dell’impianto, in quanto ci sono soluzioni disponibili per ogni esigenza. Il vero contro di una pompa di calore, quindi, deriva da una sbagliata valutazione del modello adatto all’installazione. Il consiglio, perciò, è sempre quello di affidarsi a termotecnici competenti, in modo da non vanificare l’investimento che si è deciso di fare.

A cosa fare attenzione: valutare bene l’investimento

Scegli il modello giusto per la tua abitazione

iDM AERO ALM di IDM

Pompa di calore modulante per un adeguamento efficiente della potenza di iDM. Con facilità provvede al riscaldamento, al raffrescamento e alla produzione di acqua calda sanitaria per case uni e bifamiliari. La potenza termica della pompa di calore viene adeguata al fabbisogno effettivo grazie alla modulazione continua compresa tra 2 e 8 kW, 4 e 12 kW, 6 e 15 kW oppure tra 10 e 24 kW.

Le caratteristiche distintive sono: temperature di mandata fino a 70 °C – ideale per ristrutturazioni & costruzioni nuove (anche senza riscaldamento a pavimento); estremamente silenziosa; elevata affidabilità operativa grazie allo scambiatore di calore a doppia parete; COP 4,60 (ALM 2-8), 4,58 (ALM 4-12), 4,70 (ALM 6-15), 4,86 (ALM 10- 4) per un’elevata efficienza; potenza modulante regolata da inverter che garantisce bassi consumi energetici; regolazione Navigator 2.0 con touchdisplay 7“ a colori. Facile interfacciamento con l’impianto fotovoltaico e ottimizzazione energetica smart. Il sistema è a prova di futuro grazie al refrigerante naturale.

Sistemi aria-acqua di IDM
iDM AERO ALM di IDM

Therma V R32 Monoblocco S di LG

Versatile, potente e silenziosa: la pompa di calore aria-acqua Therma V R32 Monoblocco S di LG garantisce riscaldamento, raffrescamento e produzione ACS. Più sostenibili rispetto alle pompe di calore convenzionali, i sistemi a pompa di calore aria-acqua sfruttano l’aria proveniente dall’ambiente esterno come fonte di calore per ridurre il consumo di elettricità e aumentare l’efficienza energetica. Grazie al design smart, tutti i componenti idronici – compresi i sensori, le valvole e lo scambiatore di calore – sono integrati nell’unità esterna, garantendo maggiore flessibilità di installazione, efficienza nell’utilizzo degli spazi e sicurezza.

Therma V R32 Monoblocco S può essere controllata in modo smart grazie all’intuitiva interfaccia touch del comando remoto RS3. Inoltre, la compatibilità con l’app per smartphone LG ThinQ™ permette di controllare la soluzione ovunque ci si trovi, dentro e fuori casa.

Therma V R32 Monoblocco S di LG
Therma V R32 Monoblocco S di LG

Ecodan Multi di Mitsubishi Electric

Ecodan Multi (PXZ-4F75VG e PXZ-5F85VG), la serie di pompe di calore ibride aria/aria, aria/acqua di Mitsubishi Electric, fonde i vantaggi della pompa di calore idronica ed i benefici di un sistema multisplit. Particolarmente adatte per gli edifici di nuova costruzione, sono un modello full electric “ibrido” capace di unire in un’unica macchina il comfort tipico delle soluzioni ad acqua insieme alla massima efficienza energetica e i ridotti consumi della climatizzazione a espansione diretta. La famiglia Ecodan Multi vanta la possibilità di dialogare con un’ampia gamma di unità interne dell’azienda giapponese, oltre che una elevata facilità di installazione poiché è necessario il collegamento a una sola unità esterna.

Disponibili in due taglie: il modello PXZ-4F75VG da 7,5 kW che consente di collegare un massimo di 4 unità interne (1 idronica + 3 ad espansione diretta) e il modello PXZ-5F85VG da 8,5 kW, che permette di aggiungere un massimo di 5 unità interne (1 idronica + 4 ad espansione diretta). Entrambe garantiscono riscaldamento in classe A++ e raffrescamento ma anche la produzione di ACS in classe A+. Comfort, silenziosità e funzionalità sono garantiti fino a -20°C e la temperatura acqua in mandata fino a 55°C permette di adattarsi a ogni configurazione impiantistica.
Il sistema può essere controllato sia in locale che da remoto tramite la piattaforma MelCloud per regolare la temperatura in ogni singola stanza, comandare l’acqua calda sanitaria e monitorare i consumi energetici.

Ecodan Multi di Mitsubishi Electric
Ecodan Multi di Mitsubishi Electric

Aquarea serie L e K di Panasonic

Aquarea di Panasonic amplia la sua gamma di pompe di calore Aria-Acqua con le serie L e K. La generazione K utilizza il refrigerante R32. La generazione L utilizza invece il refrigerante naturale R290, con GWP pari a 3 e consente una temperatura di uscita dell’acqua fino a 75°C anche con -10°C esterni. È quindi particolarmente adatta per ristrutturazioni e applicazioni dove può essere richiesta una temperatura dell’acqua elevata per i radiatori.

Le unità interne mantengono il colore bianco premium di Aquarea, che ben si adatta a qualsiasi tipo di arredamento interno. Le unità esterne, con telaio grigio antracite, si adattano alle abitazioni più moderne.
I sistemi sono predisposti per il controllo intelligente attraverso due piattaforme: Aquarea Service Cloud per gli addetti alla manutenzione e Aquarea Smart Cloud che offre agli utenti finali il controllo intuitivo delle pompe di calore da smartphone, tablet o pc, offrendo la programmazione di riscaldamento e raffrescamento da remoto, il monitoraggio dei consumi energetici e l’invio di notifiche in caso di anomalia.

Pompe di calore Aquarea di Panasonic
Aquarea di Panasonic Italia

ModuExpo di Paradigma

Le pompe di calore monoblocco ad alta temperatura ModuExpo di Paradigma Italia sono progettate per l’installazione esterna e per garantire sempre prestazioni ottimali. Sono ideali per impianti di riscaldamento anche ad alta temperatura e per la produzione di ACS.

ModuExpo è sempre efficiente e ha elevate prestazioni anche quando le condizioni climatiche esterne sono particolarmente rigide o molto calde: fino a -22 e +50°C.
Per assicurare un’ottima resistenza agli agenti atmosferici basamento, struttura portante e pannelli delle pompe di calore ModuExpo sono realizzati in lamiera d’acciaio zincata e verniciata. Inoltre, ModuExpo è di facile installazione e manutenzione, grazie al facile accesso ai componenti rimuovendo i pannelli anteriori e posteriori. Tutte le pompe di calore della gamma ModuExpo, grazie alle loro caratteristiche e prestazioni, hanno accesso agli incentivi e agevolazioni fiscali in vigore.

ModuExpo di Paradigma
ModuExpo di Paradigma

Easy Pump di Rehau

Studiate per riscaldare all’insegna del risparmio energetico, ricavando energia dall’ambiente senza emissioni nocive, le pompe di calore monoblocco reversibili aria/acqua ad alta efficienza Easy Pump di Rehau offrono rese sempre elevate e consumi ridotti, risultando ideali per la sostituzione delle tradizionali caldaie. Disponibili in sette modelli con potenze da 4 a 18 kW, cinque dei quali in versione silenziata della serie SL (soli 53dB), sono compatte e facili da installare e da gestire.

Tutti i modelli sono equipaggiati con evoluti sistemi di gestione e controllo a bordo macchina e predisposti per interfacciarsi con i dispositivi di regolazione REHAU per la gestione completa ed efficiente dei sistemi radianti. Per il massimo risparmio e controllo dei consumi, la gestione di funzioni aggiuntive, tra cui cronometri settimanali e avviamento dei cicli anti legionella, può esser effettuata tramite specifico controllo remoto i-CR.

Pompe di calore monoblocco easy pump di Rehau
Easy Pump di Rehau

Vitocal 250-A e 252-A di Viessmann

Con una temperatura di mandata fino a 70 °C, Vitocal 250-A e 252-A di Viessmann sono state sviluppate appositamente per la modernizzazione, potendo utilizzare i radiatori esistenti. Elevata efficienza energetica, app pratica e intuitiva con un design attraente rendono le nuove gamme Vitocal ideali sia nelle riqualificazioni, ma anche nei nuovi impianti, grazie alla connettività integrata e l‘interazione con sistemi fotovoltaici.

Le pompe Vitocal 250-A utilizzano il refrigerante “verde” R290 (propano), con un GWP100 (Potenziale di riscaldamento globale) molto basso pari a 0,02. Le pompe di calore hanno il brevetto idraulico Hydro AutoControl®. È sinonimo di un funzionamento affidabile e altamente efficiente per tutta la durata di vita. Grazie all’integrazione dei componenti si ottiene una soluzione installativa esteticamente gradevole, denominata OptiPerfom. Lo spazio richiesto è fino al 60% inferiore rispetto ai sistemi convenzionali. Le pompe di calore Vitocal 250/252-A sono sempre collegate con il servizio tecnico Viessmann in ogni momento. Grazie all‘Advanced Acoustic Design+, le pompe di calore Viessmann sono tra le più silenziose del loro genere.

Pompe di calore Vitocal 250-A e 252-A di Viessmann
Vitocal 250-A e 252-A di Viessmann

Altherma 3M di Daikin

Altherma 3 M di Daikin è una pompa di calore monoblocco aria-acqua con refrigerante R32 che assicura le funzioni di riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria in modo estremamente efficiente. Grazie alla sua compattezza, alla flessibilità di installazione e alle elevate prestazioni, è perfetta sia per le nuove abitazioni sia per la sostituzione di caldaie.

Punto di forza della gamma Daikin Altherma 3 M è sicuramente la sua configurazione monoblocco che, non necessitando di alcuna unità interna, le permette di essere utilizzata anche in uno spazio limitato. Prezzo da listino a settembre 2022 a partire da 3970€, esclusa installazione.

Altherma 3M di Daikin
Altherma 3M di Daikin

NAW Hive di Eneren

Pompa di calore aria-acqua full inverter di Eneren, multifunzione o polivalente a recupero totale, configurabile per tutte le esigenze di impianto e in Classe energetica A+++. Prodotta da Eneren, NAW Hive è una pompa di calore monoblocco, versatile e a elevata efficienza energetica, grazie all’utilizzo di compressori inverter BLDC digital scroll.

In grado di soddisfare completamente i fabbisogni di riscaldamento, raffrescamento e di ACS, la pompa opera con temperature esterne fino a -20 °C e produce acqua calda fino a 65 °C. ed è disponibile in tre versioni: per impianti a 2 tubi con acqua calda sanitaria, in recupero totale; per impianti a 4 tubi, per soddisfare contemporaneamente i fabbisogni di riscaldamento e di raffrescamento, in recupero totale; per impianti a 2 tubi con acqua calda sanitaria, in priorità. Può essere installata in molteplici contesti grazie al design innovativo e alla linea compatta, quali ville, condomini, spazi commerciali e industriali. L’unità si interfaccia con qualsiasi protocollo di comunicazione, per la gestione e il telecontrollo del funzionamento anche da remoto.

NAW Hive di Eneren
NAW Hive di Eneren

4IN1 di Innova

Concepita per rendere il più semplice possibile l’inserimento negli ambienti domestici, questa pompa di calore monoblocco aria/acqua, grazie alle sue dimensioni e alle configurazioni disponibili, facilita il passaggio all’utilizzo di energie rinnovabili da parte dell’utente finale. Il modulo 4in1, nonostante integri nel corpo macchina sia l’unità esterna, sia l’accumulo dell’acqua calda sanitaria da 200 litri, ha delle dimensioni (60×60 cm – altezza massima 200 cm) simili a quelle di un frigorifero ed è molto facile da installare (non necessita di opere murarie).

Necessitando esclusivamente di due semplici fori (da 300×380 mm ) per i canali telescopici di presa ed espulsione dell’aria sul muro perimetrale, la pompa è stata progettata per essere installata, senza alcune difficoltà o particolari vincoli, all’interno dell’unità abitativa, mentre le aperture di presa ed espulsione dell’aria, orientabili indifferentemente sulla parte posteriore, oppure sui lati destro o sinistro, rendono facilmente possibile la sua installazione anche in esterno. Disponibile nelle potenze da 5 kW e 7 kW. 4in1 si presenta in tre diverse configurazioni (S – SH – SV) conformi alla norma EN 14511-2:2012: in riscaldamento COP 4,42 (A7/W35); in raffrescamento EER 4,23 (A35/W18).

4IN1 di Innova
4IN1 di Innova

Hoval Belaria Pro® di Hoval

Pompa di calore aria/acqua ideale per riscaldare, raffrescare e fornire ACS. Disponibile nelle due varianti, comfort e compact, può essere utilizzata sia negli interventi di riqualificazione che nella realizzazione di case nuove mono e bifamiliari. Particolarmente silenziosa, è facile da montare sia all’esterno che all’interno: la versione comfort viene installata a parete, combinabile con un accumulo separato dotato di funzione di disinfezione antilegionella; la versione compact viene invece posizionata a pavimento ed è provvista di accumulatore ACS e accumulatore inerziale integrati. Grazie alla funzione CleverCool inside, il sistema garantisce il comfort ottimale, con una temperatura di mandata compresa tra 7 e 70 °C.

Hoval Belaria Pro® si inserisce perfettamente nella domotica di una casa smart: è infatti collegata a Internet e può essere azionata tramite smartphone o PC. Il sistema di regolazione Hoval Digital, è in grado di riconoscere in tempo utile le previsioni del tempo e di regolare la produzione di calore effettivamente necessario, fornendo inoltre dati analitici sul funzionamento e l’efficienza dell’impianto, anche in caso di eventuali anomalie.

Hoval Belaria Pro® di Hoval
Hoval Belaria Pro® di Hoval

Gamma ESTIA R32 di Toshiba

Tra i modelli in gamma Estia R32, la versione All-In-One, elegante soluzione, ha un serbatoio integrato che la rende particolarmente adatta alle unità abitative di nuova costruzione o nelle ristrutturazioni. Ha un ingombro al suolo ridotto, di appena 600 x 670 mm, e si adatta a qualsiasi tipologia di design. Abbinate a queste eccellenti prestazioni anche i valori di rumorosità e di efficienza energetica (A+++). Rapida installazione e messa in servizio e controllo completo, a casa o a distanza.

Un comando che copre una o due zone consente di impostare intuitivamente le varie funzioni disponibili e la visualizzazione del consumo energetico. Il controllo intelligente è possibile anche via Wi-Fi grazie al modulo wireless per ESTIA R32 e l’app Toshiba Home AC Control che consente agli utenti di ottimizzare il comfort a casa o a distanza. Questa funzione è compatibile con l’Assistente di Google e Amazon Alexa. I sistemi soddisfano i requisiti di efficienza beneficiando dei vantaggi fiscali.

Gamma ESTIA R32 di Toshiba
Gamma ESTIA R32 di Toshiba

Sistemi CSI IN E WI-FI di Baxi

I sistemi a incasso in pompa di calore con integrazione solo elettrica CSI IN E WI-FI di Baxi rappresentano la soluzione ideale per nuove abitazioni, dove l’efficienza e l’uso di fonti rinnovabili devono coniugarsi con una limitata disponibilità di spazio.
Costituiti da una unità interna CSI IN, una pompa di calore aria-acqua e un bollitore sanitario integrativo, questi sistemi sono in grado di fornire riscaldamento, raffrescamento e ACS: la pompa di calore provvede a soddisfare le richieste di acqua sanitaria e fornisce energia per la climatizzazione invernale ed estiva, mentre in condizioni climatiche particolarmente rigide, per gestire in modo efficiente riscaldamento e produzione di ACS, intervengono le resistenze elettriche (disponibili come accessorio) per garantire affidabilità e continuità di servizio.

Con Baxi Hybrid App è possibile gestire l’impianto di casa da remoto in modo semplice e intuitivo: tramite lo smartphone o il tablet si può accendere, spegnere o variare la temperatura in piena autonomia. Si realizza così una perfetta combinazione tra comfort, risparmio energetico e semplicità di gestione e utilizzo.

Sistemi in pompa di calore con integrazione solo elettrica di Baxi
Sistemi in pompa di calore con integrazione solo elettrica di Baxi

 




Articolo realizzato in collaborazione con...