VMC per la casa: vantaggi, costi e come scegliere l’impianto

La VMC – ventilazione meccanica controllata assicura salubrità, comfort interno ed efficienza energetica. Esistono diverse tipologie di impianti, che si distinguono per tecnologia, funzionamento e costi.

A cura di:

VMC per la casa: vantaggi, costi e come scegliere l'impianto

Indice degli argomenti:

La ventilazione meccanica controllata, abbreviata in VMC, è necessaria per assicurare il corretto ricambio d’aria negli ambienti chiusi, al fine di assicurare sempre la massima salubrità e sicurezza per le persone. Un impianto di questo tipo, infatti, forza il ricambio e si sostituisce alla più tradizionale ventilazione naturale, ad esempio, ottenuta aprendo le finestre di casa. Si tratta di una soluzione efficiente e utile, soprattutto nel caso di nuovi edifici molto isolati, ma non solo.

VMC per la casa: vantaggi, costi e come scegliere l'impianto
Sistema VMC puntuale di Helty

Tipologie di impianti VMC: quali scegliere per la propria casa

Esistono diverse tipologie di impianti per la ventilazione meccanica, che si distinguono anche in modo significativo per il meccanismo di funzionamento.

L’informazione importante da conoscere quando si sta valutando l’acquisto di un impianto VMC riguarda la differenza tra soluzioni centralizzate o puntuali.

Tipologie di impianti VMC: come scegliere per la propria casa
Configurazione tipo di una distribuzione stanza per stanza di un impianto VMC composto da sistemi puntuali. Foto Helty

 

Nel primo caso, è presente una macchina unica responsabile del prelievo dell’aria viziata e dell’immissione dell’aria pulita in casa, collegata all’esterno e agli ambienti tramite apposite tubazioni. Nel secondo caso, invece, si dispongono nei differenti locali singoli apparecchi, generalmente in corrispondenza di un foro nel muro, ciascuno dei quali è in grado di prelevare e immettere aria.

In entrambi i casi, la potenza e la portata dei dispositivi dipendono principalmente dal volume di aria da trattare, quindi dalla dimensione della stanza o degli ambienti. A seconda dell’impianto installato, poi, cambiano gli interventi e le opere edili necessarie all’installazione. La VMC centralizzata ha un ingombro significativo e richiede spazio sia per la macchina, che per le condutture. Nel caso della VMC puntuale, invece, si tratta solamente di realizzare appositi fori nel muro.

Dopo di che, la scelta dell’impianto per la propria casa dipende da ulteriori fattori, ma coinvolgendo un tecnico, è possibile valutare in modo attento aspetti quali la dimensioni degli ambienti domestici, presenza di eventuali vincoli e il fatto che si tratti di un’installazione su una nuova costruzione, in caso di ristrutturazione o in assenza di altri lavori.

Ad esempio, in caso di nuova costruzione o riqualificazione energetica importante, con altre opere necessarie in casa, si valuta più facilmente un impianto di VMC centralizzato, ammortizzando i lavori necessari per l’installazione; in caso di ristrutturazione leggera o di interventi retrofit su edifici abitati si preferiscono i sistemi VMC puntuali perché non necessitano di canalizzazioni d’aria e non richiedono spazi per controsoffitti nè vani tecnici dedicati.

I vantaggi della VMC a casa

I vantaggi della VMC a casa

I vantaggi che si ottengono con l’installazione di un impianto VMC a casa sono principalmente riconducibili a due specifici ambiti: da un lato il benessere e il comfort interni, dall’altro l’efficienza energetica. Il coretto ricambio d’aria, infatti, elimina inquinanti e sostanze pericolose per l’uomo, così da garantire sempre la massima salubrità.

Di conseguenza, ne beneficiano il comfort e il benessere. Per comprendere quanto sia importante, è sufficiente pensare al fastidio che si prova con la sensazione di “aria viziata” in un ambiente mal arieggiato. Tutto ciò, infatti, incide sulla salute delle persone, ma anche sulla loro capacità di concentrarsi ad esempio. Inoltre, si regola al meglio il tasso di umidità in casa, evitando anche problemi per le strutture, legati a muffe e condense.

Infine, evitare di aprire le finestre permette di evitare significativi sprechi energetici, dovuti alla dispersione del calore in inverno e del “fresco” in estate. L’energia consumata per climatizzare gli ambienti, così, non viene sprecata. Un impianto VMC, in sostanza, eleva le prestazioni dell’edificio.

Quanto costa un impianto VMC

Quanto costa un impianto di Ventilazione Meccanica Controllata

Il costo di un impianto per la ventilazione meccanica controllata dipende dalla tipologia installata e dalle sue dimensioni. In ogni caso, per un’abitazione di medie grandezze, il costo per un impianto VMC centralizzato può variare da 5.000 a 10.000 euro, a seconda anche dell’entità dei lavori necessari per l’installazione.

Nel caso di sistemi VMC puntuali, invece, il costo è calcolato sommando il prezzo di ogni dispositivo installato, che generalmente varia da 800 a 1.000 euro. Inoltre, nel caso della VMC centralizzata è necessaria una periodica sanificazione delle tubature, che può comportare ulteriori costi. Chiaramente, sia per la VMC centralizzata, che puntuale, il costo cresce per impianti più sofisticati, ad esempio dotati di sensori di CO2 e VOC, che ne regolano in modo automatico il funzionamento.

 

iscriviti alla newsletter di casaoggidomani