Consigli per ridurre la spesa energetica con gli elettrodomestici

Imparare a leggere la propria bolletta di casa non è mai stato così importante come in questi ultimi tempi. Ma oltre a questo, serve prima capire in che modo orientare i nostri consumi verso un utilizzo ad esempio più intelligente dei nostri elettrodomestici. La tecnologia in questo senso può venire sicuramente in aiuto grazie a tool specifici capaci di quantificare in modo semplice e immediato il reale beneficio economico.

Consigli per ridurre la spesa energetica con gli elettrodomestici

Nelle ultime settimane c’è stata molta informazione circa i consigli per cambiare abitudini e ridurre la spesa energetica nelle nostre case. Imparare a leggere la propria bolletta appare oggi un’abitudine importante al fine non solo di ridurre gli sprechi utilizzando meglio i nostri elettrodomestici, ma per imparare ad avere atteggiamenti più consapevoli verso un utilizzo intelligente dell’intero sistema casa.

A incidere maggiormente sulla spesa come abbiamo imparato sono gli elettrodomestici. Ma gli elettrodomestici più performanti non sono per forza quelli che consumano di più, anzi, in Electrolux, dove l’attenzione all’ambiente è un valore portante, la sostenibilità diventa un concetto centrale fin dalla progettazione dei prodotti. La responsabilità di ogni azienda, infatti, non deve essere solo quella di produrre oggetti tecnologicamente avanzati e dal design accattivante, ma anche funzionali, affidabili ed efficienti a livello energetico oltre che studiati per contenere il consumo energetico.

Abbiamo chiesto un parere a Matteo Frattino, Direttore Marketing Electrolux Appliances Italia sulla situazione attuale che si sta delineando nel settore, cercando di capire come meglio utilizzare le tante soluzioni che abbiamo a disposizione, in modo intelligente, imparando a sfruttare tutte le possibili innovazioni tecnologiche, connesse con il sistema casa.

Date le ultime disposizioni del Governo sulle limitazioni di energia nell’ambito domestico, cosa succede per chi ha elettrodomestici energivori in casa? La tecnologia può aiutare?

In questo momento chi possiede elettrodomestici energivori rischia di essere penalizzato dai recenti rincari. Le innovazioni tecnologiche di alcuni nuovi modelli possono, invece, aiutare a contenere i consumi e limitare l’impatto sull’ambiente.
Il Gruppo Electrolux, ad esempio, ha messo a punto varie e specifiche tecnologie, orientate proprio al risparmio energetico: SensiCare System, sviluppata per la lavatrice, ad esempio, si avvale di appositi sensori per regolare il ciclo di lavaggio in base al carico, utilizzando solo la quantità d’acqua necessaria, così come il programma UltraWash, che permette di lavare i capi a 30° in soli 59 minuti, risparmiando oltre il 30% di energia.

Particolarmente innovativa è anche l’interfaccia touch sliding QuickSelect, studiata per la lavastoviglie: impostando il mix di potenza e durata del lavaggio preferito, viene fornito, attraverso un Ecometer molto intuitivo, un riscontro immediato sul consumo di acqua ed energia. Queste innovazioni guidano anche il consumatore a preferire funzioni e programmi più rispettosi dell’ambiente.

Qual è la classe energetica migliore per gli elettrodomestici?
Interfaccia touch sliding QuickSelect by Electrolux

Qual è la classe energetica migliore per gli elettrodomestici?

L’etichetta energetica adesso in vigore attua una migliore differenziazione tra gli elettrodomestici tecnologicamente più avanzati e riflette nuovi elementi di performance, requisiti di progettazione ecologica più rigorosi e una diversa metodologia di test.

La scala attuale si estende dalla A alla G: la A è identificata con il colore verde brillante e indica l’efficienza energetica massima, mentre la meno efficiente, (G) è rossa. Riteniamo che comunicare con trasparenza ai consumatori la logica di questa etichetta sia essenziale e possa valorizzare al meglio, in fase di acquisto, l’efficienza del modello.

Quali consigli per utilizzare al meglio gli elettrodomestici?

Sono diverse le indicazioni che possiamo dare ai lettori per non sprecare energia preziosa: evitare di lasciare gli elettrodomestici in modalità stand-by, utilizzare le ciabatte multipresa e, quando si usano lavastoviglie o lavatrice, preferire un pieno carico e privilegiare le basse temperature.
Per venire incontro ai consumatori e guidarli al meglio verso un acquisto più consapevole abbiamo introdotto Youreko, presente sui siti di Electrolux e AEG. Si tratta di un tool in grado di quantificare in modo semplice e immediato il reale beneficio economico che si ottiene acquistando un elettrodomestico a basso consumo: permette infatti di confrontare il modello di elettrodomestico selezionato sui due siti con la media del mercato per chilaggio o consumo, basandosi su specifici criteri, quali l’utilizzo e il ciclo di vita medio, la tariffa media, gli incrementi annui dei costi dell’elettricità e i consumi di energia elettrica.

Youreko dà quindi modo a ogni singolo consumatore di quantificare in autonomia, a seconda delle proprie abitudini di utilizzo, il risparmio energetico ed economico reso possibile nel tempo dall’acquisto di un elettrodomestico efficiente.

Quali consigli per utilizzare al meglio gli elettrodomestici?
Il tool Youreko prende in considerazione tutti i prodotti presenti sul mercato che vengono caricati sui siti web dei principali retailer e produttori

Il Governo ha accennato di voler sostituire gli elettrodomestici vetusti e appartenenti a categorie energetiche meno efficienti. Cosa ne pensate?

Riteniamo che la detrazione dell’Irpef del 50% sull’acquisto di grandi elettrodomestici efficienti sia una valida proposta: in questo momento si può pensare che, conservando vecchi elettrodomestici, si possa risparmiare. Il rischio, tuttavia, è di commettere un errore di valutazione, che si potrebbe pagare con bollette salate. Diversi modelli Electrolux per la cura dei capi, ad esempio, assicurano un risparmio energetico che, sul lungo periodo, può addirittura superare il prezzo di costo.




Articolo realizzato in collaborazione con...