Risparmio energetico: consigli per risparmiare in bolletta

Alcuni semplici accorgimenti che si possono adottare nelle nostre case per contrastare gli sprechi energetici, risparmiando in bolletta

Semplici accorgimenti da adottare nelle nostre case per il risparmio energetico

Indice:

A volte basta davvero poco per non sprecare energia, contribuendo così a tutelare l’ambiente e a diminuire sensibilmente l’impatto economico che si riscontra in bolletta. La rete stessa pullula di suggerimenti e di manuali che ci aiutano a realizzare azioni per rendere la nostra quotidianità più sostenibile, a partire dalle nostre abitazioni. Le scelte che possiamo adottare tra le mura domestiche sono infatti più che essenziali e, se adeguatamente diffuse, costituiscono un circolo virtuoso capace di fare la differenza. Scopriamo allora alcuni accorgimenti pratici che possiamo seguire per offrire un supporto concreto al risparmio energetico.

Imparare a usare gli elettrodomestici

La prima cosa da sapere è che alcuni elettrodomestici incidono più di altri in bolletta. Tra gli apparecchi che consumano più energia vi sono ad esempio il climatizzatore, la lavatrice e la lavastoviglie. Per poter evitare sprechi energetici è opportuno innanzitutto imparare a usarli con criterio. Il climatizzatore non deve, ad esempio, essere impostato a una temperatura troppo diversa rispetto a quella dell’ambiente esterno. Bastano pochi gradi di differenza per poter avvertire il giusto comfort, senza determinare un utilizzo eccessivo di energia elettrica. Elettrodomestici come la lavatrice e la lavastoviglie vanno invece usati sempre a pieno carico e preferendo dei lavaggi “eco”.

Scegliere i programmi economici perlavatrice e asciugatrice

Tra gli elettrodomestici più dispendiosi in termini di energia c’è anche il frigorifero, essendo costantemente acceso. Per ottimizzarne i consumi è opportuno per prima cosa impostare una temperatura adeguata, che consenta di conservare correttamente il cibo evitando nel contempo sprechi energetici. La temperatura ideale del frigorifero è compresa tra i 4 e i 6 °C. Come ulteriore accortezza, l’elettrodomestico non deve essere sovraccaricato di alimenti. Deve infine essere posizionato in modo tale da non permettere che si surriscaldi. Si consiglia perciò di lasciare una distanza di circa 20 centimetri dalla parete e di tenere il frigorifero lontano da fonti di calore, come forno e termosifoni.

Per limitare inutili dispendi di energia è inoltre importante non lasciare i dispositivi elettrici in stand-by, quando non sono funzionanti. Stime recenti calcolano che in Europa il consumo medio degli apparecchi in stand-by è pari a circa 305 kWh per casa ogni anno, l’equivalente dell’11% del consumo complessivo di elettricità di un’abitazione. E non è certamente poco e ci sono ampi margini di risparmio energetico.

Fare attenzione alla classe energetica degli apparecchi

Nel momento in cui si acquista un elettrodomestico, è buona prassi verificarne la classe energetica che viene espressa con le prime lettere dell’alfabeto. Più l’efficienza è alta, maggiore risulta il risparmio energetico. La classe massima è generalmente indicata con la sigla “A+++”.

Utilizzare lampade LED

Un’ottima accortezza per risparmiare energia consiste nell’uso di lampade LED. L’acronimo “LED” sta per “Light Emitting Diode” (diodo ad emissione luminosa). Oltre a essere ecosostenibile, questa tecnologia permette di risparmiare fino al 90% rispetto alle vecchie lampadine e fino a circa il 60% rispetto all’illuminazione a fluorescenza. Nonostante comportino una spesa iniziale superiore, le lampade LED rappresentano un innegabile vantaggio sotto il profilo economico sul lungo termine. Questi prodotti, infatti, non solo garantiscono un significativo risparmio energetico, ma hanno una durata sensibilmente maggiore rispetto alle fonti di illuminazione classiche.

Monitorare i consumi elettrici

Per poter risparmiare in bolletta è importante tenere costantemente sotto controllo anche i consumi elettrici. Per farlo ci viene incontro la tecnologia, con degli utili misuratori di corrente. Questi dispositivi aiutano a valutare il consumo complessivo dell’intera abitazione o, se necessario, di singoli apparecchi per poter così agire di conseguenza, andandone a ottimizzare l’utilizzo.

Misurare i consumi per fare risparmio energetico

Non disperdere il calore

Quando si decide di ristrutturare casa, è possibile adottare materiali che permettano di isolarla termicamente. La tecnica eseguita si definisce coibentazione e si basa sull’uso di svariati materiali che consentono di ridurre la dispersione di calore durante la stagione fredda, ma anche di contrastare lo spreco energetico nei mesi estivi. Mediante un adeguato isolamento termico, infatti, gli ambienti domestici si tramutano in spazi più freschi e confortevoli, così da diminuire l’utilizzo dei condizionatori, apparecchi che per funzionare necessitano di elevate quantità di energia elettrica.