Sicurezza in casa: come funziona l’antifurto Smart

La protezione di beni e persone è sempre più sentita: le tecnologie per rispondere a queste esigenze sono tante: telecamere, sensori di movimento…

A cura di:

sistema antifurto smart per proteggere la casa

Una delle preoccupazioni che ci riguarda più da vicino è garantire alle nostre case un’adeguata sicurezza. I dati del resto parlano chiaro. Secondo l’Istat, nel 2018 sull’intero territorio nazionale si sono registrati complessivamente 191.374 furti in casa, un numero che fa riflettere. Le cifre sono peraltro sottostimate perché si riferiscono ai soli furti regolarmente denunciati da parte dei cittadini.

Accanto ai danni economici, questi atti illeciti provocano tutta una serie di conseguenze psicologiche in chi li subisce. Chiunque sia vittima di un furto sente infatti violata la propria privacy nella sfera più intima, quella domestica. Nei malcapitati si produce inoltre un senso di insicurezza, che diviene spesso difficile da tenere a bada.

Di fronte a questi fenomeni criminosi, in gran parte di noi cittadini nasce quindi la necessità di metterci al riparo, innalzando il nostro livello di guardia e cercando di proteggere le nostre abitazioni nel modo più funzionale possibile.

Grazie agli sviluppi della Smart Home, la tecnologia ci viene sempre più incontro per facilitare la nostra quotidianità all’interno delle mura domestiche. Nella gamma di soluzioni disponibili per noi consumatori, non mancano dispositivi destinati alla sicurezza in casa.

Noi tutti possiamo ad esempio usufruire di sistemi di antifurto Smart che, oltre a tutelarci, non richiedono nemmeno grossi investimenti.

Antifurto Smart: cos’è e come funziona

In commercio si può usufruire di un ampio ventaglio di sistemi antifurto Smart per la sicurezza in casa. Si possono acquistare dei kit completi che includono una piccola centrale operativa e diverse telecamere, installabili nelle varie aree dell’abitazione, in modo da poterle proteggere da intrusioni di malintenzionati.

Generalmente, questi sistemi sfruttano la connessione Wi-Fi presente in casa, inviando notifiche per avvisare i proprietari di qualsiasi tentativo di effrazione.

Le telecamere sono infatti dotate di sensori di movimento, capaci di verificare il segnale di pericolo. In caso di intrusione, i sensori spediscono le immagini di quanto sta accadendo in casa, permettendo di identificare la presenza di intrusi, anche in condizioni di totale oscurità.

Grazie a Internet e ad apposite App, le notifiche giungono direttamente sugli smartphone, sui tablet e sui PC. Le applicazioni permettono così ai proprietari dell’abitazione di monitorare costantemente da remoto ciò che sta avvenendo all’interno delle loro mura domestiche, mettendoli al riparo non solo da furti ma anche da eventuali atti vandalici.

Come installare un semplice dispositivo Smart

Basandosi su Internet e sulla connessione wireless, l’installazione di un antifurto Smart è semplice e alla portata di chiunque abbia un minimo di dimestichezza con queste tecnologie. Ovviamente parliamo delle soluzioni Do It Yourself.

Non vi è alcuna necessità di ricorrere a gravosi – e costosi – lavori di cablaggio per collegare le telecamere di videosorveglianza alla centralina e ai distinti ambienti domestici. La facilità di installazione non incide però sull’efficacia di queste soluzioni per la sicurezza in casa. Le prestazione degli antifurto Smart sono elevate e di innegabile affidabilità.

Come ulteriore garanzia per i consumatori, si sta pian piano assistendo a un’integrazione dei sistemi con offerte assicurative dedicate. Le più grandi compagnie di assicurazione hanno infatti iniziato a promuovere tariffe specifiche per i clienti che installano apparecchi antifurto connessi a Internet.

La crescente disponibilità di soluzioni Smart Home e la massiccia evoluzione dell’Internet of Things stanno quindi semplificando la nostra vita anche sotto il profilo della sicurezza. Nell’imminente futuro, si prevedono ulteriori sviluppi che attendiamo con grande interesse.